Rubjerg knude

Danimarca on the road: cosa vedere in 8 giorni

A luglio siamo stati 8 giorni in giro per la Danimarca, partendo da Copenaghen (cliccate per leggere l’articolo!) fino a raggiungere l’estremo nord del Paese, per poi tornare verso la capitale. Leggete l’articolo se anche voi avete in programma un viaggio in Danimarca on the road!

Danimarca on the road: Jutland del sud

Giorno 1: ODENSE E IL CASTELLO DI EGESKOW

Nell’estate in cui la maggior parte dei voli SAS vengono cancellati, devo dire che abbiamo avuto una bella fortuna e ce la siamo cavati con “solo” due ore e mezza di ritardo. Atterrati a Copenaghen dove siamo rimasti un solo giorno all’andata e una mezza giornata al ritorno, siamo partiti in direzione della regione Fionia. La sua città principale è Odense, la patria del famoso scrittore H.C.Andersen (“La sirenetta”, “Il brutto anatroccolo”, “La piccola fiammiferaia”…) e in effetti la maggior parte delle attrazioni che questa città offre ai turisti è legata a lui.

Il centro di Odense.

Cosa vedere, dunque, ad Odense? Dopo aver fatto un giretto nel grazioso centro storico, ci siamo recati alla casa natale di Andersen dove si possono ammirare le sue opere e conoscere un po’ della sua vita. Pochi metri a piedi ed è presente anche il Museo Hans Christian Andersen, che noi però non abbiamo visitato. Abbiamo, poi, fatto una passeggiata al parco che si trova dietro alla Cattedrale di Nostra Signora. Chi vuole può seguire le impronte dello scrittore che si trovano sull’asfalto, vi porteranno nei luoghi da visitare!

A circa 30 minuti di auto dal centro di Odense si trova il castello di Egeskov, definito come il più suggestivo dei castelli danesi. Noi siamo andati nel tardo pomeriggio (verso le 18) e siamo rimasti circa un paio d’ore. Quel giorno faceva molto caldo quindi l’orario è stato perfetto, ma se avessimo avuto almeno un’ora in più sarebbe stato meglio! I giardini sono enormi e ci sono tanti giochi (per bambini e adulti) davvero molto belli! I vostri figli ci perderanno la testa 😀

Danimarca on the road: il castello di Egeskow

Inoltre ci sono piaciuti tanto i labirinti che circondano il maestoso castello. L’interno, purtroppo, non abbiamo potuto visitarlo perché si era ormai fatto tardi. Diciamo che per visitare tutto in modo approfondito secondo me serve una mezza giornata circa!

Giorno 2: RIBE, ESBJERG E L’ISOLA DI FANØ

Ribe è la città più antica della Danimarca (è stata fondata intorno al 700). Ha un centro storico medievale davvero bello, tra stradine acciottolate e casette a graticcio colorate; in un pomeriggio lo si visita bene. Per gli appassionati di storia vichinga, il Ribe Viking Center merita sicuramente una visita: i bambini si divertiranno a vivere per un momento come i vichinghi, intagliando il legno, tirando con l’arco, incontrando artigiani, contadini e giullari.

La cattedrale di Ribe.

Prima di arrivare nel pomeriggio a Ribe, al mattino ci siamo recati a Esbjerg. Qui abbiamo fatto un salto sulla spiaggia a vedere “Men by the sea”, una scultura di 9 metri raffigurante quattro uomini bianchi che contemplano il mare, come a sottolineare il rapporto tra gli uomini e la natura. Davvero molto affascinante! (Copritevi bene perché c’è un vento assurdo qui!)

Danimarca on the road: Men by the sea.

A Esbjerg, poi, abbiamo preso il traghetto che ci ha portati sull’isola di Fanø, dove abbiamo pranzato. Anche se non abbiamo avuto molto tempo per visitarla, devo dire che quest’isola ci è piaciuta tanto. In particolar modo, ci siamo divertiti tantissimo ad andare sulla spiaggia situata tra Fanø Bad e Rindby Strand, una spiaggia lunga 12 km! Questa spiaggia è famosa per il festival degli aquiloni, che si tiene ogni anno nel mese di giugno. Un’altra particolarità: è possibile andare sulla spiaggia direttamente con la macchina (il limite di velocità è di 30 km/h)! Questa è descritta come la spiaggia più frequentata dalle famiglie. Noi sinceramente abbiamo beccato un vento pazzesco che a momenti ci portava via 😀 Comunque è splendida!

La grande spiaggia sull'isola di Fanø

Sempre sull’isola di Fanø potete fare un giro per le viuzze di Nordby, la città principale. Un consiglio: se avete la possibilità, noleggiate le biciclette! Tutta l’isola è collegata da km e km di piste ciclabili (come in tutta la Danimarca, si vedono molte più bici che auto).

Danimarca on the road: Jutland centrale

Giorno 3: BILLUND – LEGO HOUSE e LALANDIA

A circa 1ora di macchina da Ribe, si trova Billund, città resa famosa dai mattoncini LEGO. Della nostra visita alla Lego house e a Lalandia vi parlerò in modo specifico in un articolo a parte nei prossimi giorni. Andiamo avanti con il nostro road trip in Danimarca!

Sulla strada tra Billund e Aalborg, in località VEJLE, ci siamo fermati a vedere due edifici dal design molto particolare, e qui ci siamo resi conto di quanto sia importante il design danese: The wave e Fjordenhus.

The wave è un complesso residenziale che ha ricevuto diversi premi negli anni; è costituito da 140 appartamenti e si affaccia proprio sul mare.

Danimarca on the road: The wave

Fjordenhus è un edificio alto 28 metri che emerge dall’acqua, costituito da 4 cilindri di mattoni che si intersecano. Si trova vicinissimo a The wave, in un quartiere residenziale e commerciale in via di sviluppo. Al primo piano di Fjordenhus si trova anche un ristorante!

Fjordenhus a Vejle.

Giorno 4: AALBORG

Aalborg è la quarta città più grande della Danimarca. Se anche voi avete più o meno una giornata per visitarla, ecco cosa vi consiglio di non perdere: una passeggiata sul lungomare, che io ho trovato splendido (larghissimo, mi ha ricordato un po’ quelli californiani!); qui si trovano lo Utzton center e la Musikken Hus. Utzon center è l’edificio costruito dallo stesso architetto del Sidney Opera House: all’interno mostre, attività per bambini, conferenze e chi più ne ha più ne metta. Musikken Hus è la Casa della Musica ed è un edificio dal design pazzesco (ormai lo abbiamo capito che il design danese è spettacolare).

Danimarca on the road: il lungomare di Aalborg.

Un giretto nel centro storico di Aalborg ne vale la pena, è molto carino e vi segnalo una via super instagrammabile: Hjelmerstald. Un’altra cosa che ho adorato è The light house, dove fanno lo street food. Si trova sul mare e dentro è davvero carino, noi ci abbiamo fatto un aperitivo! Poco distante si trova Vestre fjordpark, un grande parco in cui è possibile fare diverse attività: nuotare (il fiordo, infatti, si trasforma in una piscina naturale), andare in canoa, fare SUP e tante altre ancora. Gli Aalborgiani adorano trascorrere qui le calde giornate estive!

Via instagrammabile nel centro di Aalborg.
Hjelmerstald

Danimarca on the road: Jutland del Nord

Giorno 5: SKAGEN e dintorni

Anche solo lo Jutland del Nord vale la vacanza. Questa è la zona che ci è piaciuta di più di tutta la Danimarca, quindi anche se il viaggio per arrivare quassù è abbastanza lungo, e in 8 giorni si è abbastanza tirati, fatelo! Non ve ne pentirete.

  • RUBJERG KNUDE: probabilmente il simbolo della Danimarca del Nord. Un faro che in passato ha rischiato di scomparire tra le dune di sabbia mobile; nel 2019 è stato spostato di circa 70 metri verso l’interno e sembra che almeno per i prossimi anni sia al sicuro!
    Il faro si raggiunge a piedi dal parcheggio in circa 15 minuti. In alternativa si può fare il giro in elicottero oppure salire su un trattore con traino che vi porterà direttamente sulle dune.
Io e Aria al faro di Rubjerg Knude.
  • GRENEN: Grenen è il punto più a nord di tutta la Danimarca. Qui si assiste all’incontro di due mari: Mar Baltico e Mare del Nord. Per arrivare su questa meravigliosa spiaggia e assistere a questo fenomeno ci sono due modi: a piedi dal parcheggio in circa 40 minuti, oppure prendendo il trattore con traino che vi porterà sulla spiaggia in qualche minuto. Purtroppo c’era davvero molta gente quando siamo andati noi, quindi non ce lo siamo goduti al massimo e le foto sono quelle che sono.
Grenen dove si incontrano i due mari.
  • RÅBJERG MILE: sempre nei dintorni di Skagen ci è piaciuto molto andare sulle dune di Råbjerg Mile. Si tratta delle dune migratorie più grandi della Danimarca, lunghe e larghe circa 1 km. Ogni anno queste dune si spostano di 15 metri verso nord-est! Veramente affascinante.
La duna di Räbjerg Mile.
  • Ovviamente per ultimo ma non meno importante, il faro di Skagen e una visita al suo centro storico, a noi è piaciuto davvero molto! Skagen è una delle città danesi più frequentate in estate, dunque preparatevi ad incontrare folle di turisti. In ogni caso, ne vale assolutamente la pena!

Giorno 6: AARHUS

Siamo stati un giorno ad Aarhus prima di prendere il traghetto per fare ritorno a Copenaghen. Appena arrivati al mattino siamo andati a visitare il principale museo d’arte della città, l’ ARoS Aarhus Kunstmuseum. È uno dei più grandi musei d’arte del Nord Europa, e anche se noi non siamo grandi amanti dei musei, devo dire chi è piaciuto molto! Da non perdere lo skywalk circolare “Your rainbow panorama” all’ultimo piano e la famosa scultura “Boy” di Ron Mueck.

Danimarca on the road: la famosa opera "Boy"
Boy

Al pomeriggio, oltre ad aver fatto un giro per il centro della città siamo stati qui:

  • Dokk1: la biblioteca più grande della Scandinavia. Si affaccia sulla baia di Aarhus ed è stupenda sia dentro che fuori! E bellissimi i giochi per bambini posti all’esterno. Ci avremmo passato volentieri tutto il pomeriggio. Oltre alla biblioteca, l’edificio ospita un parcheggio automatico e una stazione della metropolitana leggera. Assolutamente da vedere!
Parco giochi al Dokk1
  • The infinite bridge: un ponte circolare posizionato a metà tra spiaggia e mare completato nel 2015. Ottimo spot per rilassarsi e godersi il panorama!
The infinite bridge.

Per concludere questa Danimarca on the road, ad Aarhus abbiamo preso il traghetto che, in circa 1.15 h, ci ha portati a Sjællands Odde, da dove poi siamo ripartiti per andare a Copenaghen e prendere il volo per rientrare in Italia.

Ragazzi questo viaggio ci è piaciuto tantissimo, speriamo vi possa essere utile questo articolo per pianificare la vostra vacanza in Danimarca!

Ciarly

Danimarca on the road: info e costi

La Danimarca ci è piaciuta molto, ma devo dire che è anche molto cara (come tutti i paesi della Scandinavia). Vi lascio qualche prezzo per darvi un’idea:

  • Ponte che collega Copenaghen all’isola di Fionia (Odense): 250 dkk
  • Traghetto da Esbjerg all’isola di Fanø: 533dkk (con auto a/r) durata del viaggio: 10 minuti!
  • Traghetto da Aahrus a Sjællands Odde: 424 dkk (con auto)
  • Castello di Egeskov: 410 dkk (adulti)
  • Museo Aaros: 22 intero, 18 under 31, gratis under 18
Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto